sabato 23 febbraio 2013

AVREI VOTATO OSCAR GIANNINO, SE QUESTO FOSSE IL SUO VERO NOME


Secondo me Renzi vota Ingroia. Renzi mi piace, devo ammetterlo, è come il tassista di Miami-Vice, uno che se la caverà sempre, uno che sbaglia poco, soprattutto con l'elettorato femminile, qual'è il suo segreto? Mette gli anticoncezionali nelle scatolette di tonno?. Guardare Renzi è come guardare quei video col gatto che indossa il papillon e fa cose improbe come avviare "l'anteprima di stampa" da word. E tu sei li che abbracci la piattaforma sindacale della stampante, contro il felino. Ma alla fine ce la fa, il gatto ce la fa. Contro ogni sindacato, metodo Marchionne. Allora capisci che non devi mai sottovalutare nessuno. Non puoi pensare che il target di Renzi siano gli 11enni alcolizzati, gli esattori di Re Giorgio o chi si disfa del cadavere di una spogliarellista avvolta nella tendina della doccia. Le elezioni in Italia non hanno regole, è come essere ad un barbecue di taglialegna, con un pizzico di Brodway, il miglior musical sull'utero della tua donna dei sogni. Poi finisce, di solito, con un colpo di tosse secca a coprire il brusio delle promesse elettorali.

Ma questa volta è diverso, ci voglio credere, questa volta cambierà davvero. Avrei votato Oscar Giannino se fosse questo il suo vero nome. 

Poi invece torna sempre la stessa impressione:  alla fine non cambia mai niente, e se si cambia si cambi di pochi millimetri a legislatura. Certo potrebbe andare peggio: potrebbe esserci Oscar Giannino, se questo fosse il suo vero nome. E Casini, con i suoi abiti da colonscopia. E Hilary Clinton Presidente. Tutti e tre in una stanza. E comunque dovermi tagliare il melone da solo.

Molti giovani precari come me incidono sul Pil solo attraverso la propria colite. Noi che siamo senza soldi, che andiamo alle inaugurazioni degli articoli determinativi, per scroccare qualcosa da bere grazie alla nostra laurea conquistata con virtuisimi familiari che hanno puntato tutta l'argenteria del Monopoli sulla laurea del primogenito, e che si trovano con una sequela di menzogne sull'affitto, perche nessuno di noi vuole ammettere la disdetta e cosi creiamo spy story ambientate in acqua gym per non far preoccupare mamma e papà. Alcuni di noi ingoiano ovuli di gel monofasico e si imbarcano a Fiumicino verso gli Emirati Arabi per vendere il fissante nel mercato nero del look delle teen ager figlie di imam insicuri. Nessuno di noi nati negli anni 80' può pensare di metter su famiglia. Chi è cosi sconsiderato? Fare famiglia? Solo chi riesce a passare la prova individuale più ardua del nostro tempo: un dildo lungo come "due puntate della Fattoria nella Prateria" e restare indenne, solo lui, lui solo, può farcela e fare famiglia.

Noi della generazione degli anni 80' quando usciamo con la macchina, ci mettiamo in formazione a V per risparmiare carburante, come al tour de France.

Grillo è un pò come Foreman a Kinshasa, è un pò come il magnifico rettore che inaugura una cabina telefonica, è l'aspettativa che va oltre la realtà. Semioticamente rappresenta una concretezza incorniciabile, perfetta, da parete. Ho il terrore che la semiotica si porti dietro soluzioni impraticabili come lo shampoo anticamorra. Mi spiego?. E' una soluzione semantica. Grillo è un pò un Superman che entra illegalmente in USA e basta l'ufficio immigrazione, nemmeno la criptonite, per far crollare il castello. Casaleggio non è Camillo Cienfuegos. E nessuno può travestirsi da criniera e pensare di spassarsela in qualche maneggio, fino a fine legislatura. Ma in fondo avrei votato Grillo, se non avessi votato il programma più interessante in assoluto "Millantare per fermare il declino".

A volte mi chiedo come abbiano fatto a sopravvivere all'introduzione delle porte girevoli gli elettori della lega, quella è la loro principale causa di mortalità nella macroregione della via lattea.

16 commenti:

  1. finalmente. ora mi sento meno solo. tutti questi consensi a Renzi e tutte queste tendine della doccia scomparse dovevano per forza avere un collegamento.
    grazie. gingerrosh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora che siamo amici, mi compri le scarpe correttive?

      Elimina
  2. avevo messo da parte del panettone da offrire ai maya.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti terro presente come la persona che mi ha iniziato alle infradito. grazie

      Elimina
  3. io purtroppo non posso votare. Mi fa male la pancia.

    RispondiElimina
  4. Prima o poi dovrai fartene una ragione e tagliarti il melone da solo.
    C'è riuscito persino il batterista dei Negramaro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corradino Mineo è un ottimo antipioggia copriscooter

      Elimina
  5. miiiiiiinchia quanto cazzo mi picae l'eroinaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu sei uno di quelli che beve gatored bollente nel termos prima di lasciare un commento anonimo su un articolo del Fatto a difesa di Porro

      Elimina
  6. Risposte
    1. devo averti gia visto in uno di quei video dove un mimo alza una vetrata e tu gli dai una mano ma poi ti macchi di ossigeno. simpaticissimo.

      Elimina
  7. Non entrare mai nel Pil senza protezione. Perchè allora esser nato negli anni '80 non ti basterà come alibi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uso sempre come precauzione Achille Bonito Oliva, prima di fare sesso con qualisiasi indice percentuale

      Elimina
  8. il fatto che io non abbia commentato fino ad ora questo post mi rende triste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho iniziato a vivere nel carrello della ipercoop, da quando non commentavi

      Elimina